Pagine

giovedì 12 ottobre 2017

La toponomastica milanese

La toponomastica milanese è già particolare per non aver dedicato nessuna via alla capitale d’Italia, è interessante anche perché non dà spazio neppure alle altre le capitali europee, con eccezione di quella svizzera, ma sulla vicina Confederazione Elvetica torneremo dopo.  L’unico Stato del Vecchio Continente è invece Cipro e anche su questo punto si ritornerà, magari in un altro post.
Europa: A parte territori che sono stati italiani, direttamente o indirettamente, come Istria, Rodi, Tirana, Spalato, troviamo viale Argonne, viale Corsica, via Ajaccio, via Asturie, via Mar Nero, via Moscova, via Lovanio, via Famagosta, via Asturie, piazza Bilbao, via Santander. Con più attenzione, possiamo ricordare che le Argonne sono state il teatro di una battaglia della Seconda Guerra Mondiale, perciò è facile che la strada voglia ricordare quest’ultima, come anche via della Moscova: è dedicata alla battaglia, non al fiume; la Corsica è straniera fino a un certo punto e ha un sapore revanscista.  Soffermiamoci su Lovanio, città belga sede di un’Università molto prestigiosa: in alcune città del Nord Europa, come Anversa e L’Aja, si trovano strade dedicate ai Lombardi, attivi nei secoli passati da quelle parti come mercanti e banchieri. In un certo senso, era una sineddoche, perché indicava anche tutti gli italiani che andavano là a fare affari.

L’America del Sud ha Piazza Lima, dove su una lapide si legge dell’amicizia tra le due città e dell’accoglienza di Milano verso i peruviani, Corso Buenos Aires, un tempo Corso Loreto, Largo Rio de Janeiro, Piazza Argentina, largo Brasilia, via Uruguay. Quella del Nord registra un con Largo Stati Uniti d’America. Due, con Largo 11 Settembre.

Quella africana è soprattutto di stampo coloniale: Eritrea, Libia, Tripoli, Massaua, Makallè, Axum, Agordat, Misurata, Adigrat.  La Tunisia non era italiana, ma l’abbiano rivendicata a lungo.  Attenzione: piazza Sant’Elena, a Quarto Cagnino, è intitolata alla chiesa omonima, non all’isola dove morì Napoleone.

Asia: piazza Gerusalemme e Largo Tel Aviv, entrambe gemellate con la nostra città.
Oceania: Non pervenuta.

Nessun commento:

Posta un commento