Pagine

venerdì 17 gennaio 2014

Improvvisando



Giovedì 16 al Gogol’ Ostello la compagnia teatrale Imprevisti Su Misura, specializzata in improvvisazioni, si è esibita in Sketch à porter. Mi avevano parlato di questo tipo di spettacolo e stimolato dalla qualità del luogo dell’esibizione (niente anglismi se non necessari!) ho voluto soddisfare la mia curiosità. Tavolini, atmosfera raccolta, pubblico molto interessato e coinvolto. E non poteva essere diversamente, visto che gli spettatori erano continuamente chiamati in causa, alcuni addirittura fatti salire sul palco a fare da spalla ai quattro attori, Diego, Francesca, Giovanna e Riccardo, con la conduzione di una ragazza di cui ricordo solo il cognome: Brambilla.  Sono stati bravissimi ad assecondare ogni situazione richiesta e in grado di cambiare repentinamente registro, anche se si sono mantenuti quasi sempre su quello comico con successo considerato che i presenti ridevano di gusto. Specializzazione in questa tecnica a parte, non so se la duttilità sia una caratteristica di tutti gli attori o una peculiarità di quelli comici, anche se questa categoria, almeno nel cinema, mi pare annoveri gli artisti in grado di spaziare maggiormente. Una volta Lando Buzzanca ha detto che il vero genio era Peppino, non Eduardo, perché in grado di fare bene drammi e commedie.  Senza voler paragonare le cose piccole con quelle grandi, gli Imprevisti Su Misura offrono qualità.



Massimiliano